Parole-specchi

Dell’inserto domenicale della Repubblica di solito guardo le figure, che son sempre belle. Ma oggi ho pure letto volentieri qualcosa. Oltre al pezzo amaro di Romagnoli e quello didatticamente sintetico e utile di Rampini, a fermarmi è stato l’estratto da Corrias, perché quella Sardegna lì di Berengo Gardin la vorrei proprio anche per me. Mi tocca. E mi tocca il discorso sull’onestà e la mancanza di trucchi, sull’arte che riduce al minimo l’artificio e prova a negare la riproducibilità, riconoscendo il tempo.

Ed ecco: riconoscere.

Nel post più sotto, quello dell’impegno, c’era qualcosa che volevo mostrare perchè venisse riconosciuto. Ma forse non sono una buona costruttrice di specchi. Allora provo ad aggiungere questo branetto, che ho trovato nel pezzo di Marcoaldi (sempre lì, nell’inserto di Repubblica) sul Viaggio in Italia di Guido Piovene che, a proposito dell'”apparente” politicizzazione del paese, nei primi anni ’60 scriveva, lucido e profetico insieme:

“Esiste infatti un impegno totale, che viene soprattutto dalla poca coscienza reale: mancano i limiti segnati dai veri sentimenti, dalle convinzioni sincere, ci si butta un po’ a capofitto, trasportati dal meccanismo delle idee, dalla loro forza d’inerzia, dai richiami della convenienza”.

Una Risposta to “Parole-specchi”

  1. sleep apnea Says:

    I pay a visit everyday a few web pages and blogs to read articles or reviews, however this website offers quality based
    content.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: